Educazione e sicurezza stradale: UNASCA lancia il progetto “RinnovaTi”, per aggiornare periodicamente la patente, ma non solo sulla carta. In collaborazione con Essebiitalia.

A chi si reca in autoscuola per rinnovare la patente in scadenza, viene regalato un vademecum di 60 pagine di aggiornamento sulle principali novità in merito al codice della strada insieme al ripasso dei capisaldi della guida. Per i più volenterosi c’è anche un corso in aula.

Patella: Auspichiamo che si inizi a dare importanza all’aggiornamento per tutta la vita della preparazione acquisita al tempo dell’esame. C’è in ballo la propria sicurezza e quella degli altri.


13 febbraio 2015 – UNASCA, la maggiore associazione di categoria delle autoscuole e degli studi di consulenza automobilistica, lancia “RinnovaTi” una nuova importante iniziativa in favore dell’educazione e della sicurezza stradale. Dal nuovo anno infatti tutti coloro che si recano nelle autoscuole e negli studi di consulenza Unasca aderenti per rinnovare la patente in scadenza, riceveranno gratuitamente un vademecum di 60 pagine con un aggiornamento sulle ultime novità del codice della strada e anche un ripasso dei principali capisaldi della guida in generale e sulle norme relative alla sicurezza, sia a livello comportamentale che nel senso del corretto uso dei dispositivi dei veicoli. Il vademecum si può anche scaricare dal sito unasca www.unasca.it/…..Per
chi fosse poi interessato a degli approfondimenti, c’è la possibilità di prenotare un vero e proprio corso di aggiornamento in aula. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Essebiitalia, partner tecnico e sponsor dell’iniziativa.

L’idea alla base di questo progetto – racconta Emilio Patella, Segretario Nazionale Unasca Autoscuole – è sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sulla grande importanza che la formazione alla guida ha per la sicurezza stradale. Non è pensabile che il cittadino si approcci alla formazione solo una volta in tutta la sua vita, cioè quando si accinge a prendere la patente. E’ necessario – spiega Patella – saper mantenere nel tempo salde nella memoria le principali regole della guida, oltre che avere la possibilità di aggiornarsi sulle novità e cambiamenti delle norme, legati ai cambiamenti di abitudini stili di vita e anche delle tipologie di veicoli. L’ideale sarebbe fare dei percorsi formativi continuativi modulati a seconda dell’età e delle esigenze di mobilità del conducente”.

Nel vademecum che viene regalato a chi si reca ad aggiornare la patente ci sono le novità sulle nuove categorie delle patenti, cambiate ed aumentate dal 2013 in seguito alla direttiva comunitaria specifica. Ci sono poi informazioni fondamentali sull’assicurazione, (i principali aspetti da conoscere del contratto, i casi di denuncia e tutte le informazioni cui bisogna prestare più attenzione per evitare errori e frodi), una sezione dedicata all’alcol e i suoi effetti in generale e sulla guida; un capitolo intero è incentrato sul trasporto dei bambini e relativi dispositivi di sicurezza necessari non solo in auto ma anche in moto, in bicicletta in autobus. Una sezione è infine interamente dedicato alla spiegazione dei dispositivi di sicurezza dei veicoli più moderni. Sono stati selezionati poi gli argomenti più importanti per la guida, soprattutto quelli che spesso sono oggetto di maggiori errori e dimenticanze, quali le rotatorie, la guida in autostrada, in galleria e anche le norme sugli penumatici. Infine una sezione intera è dedicata alle due ruote, sempre più diffuse nei centri abitati e sempre più coinvolti in incidenti anche gravi.

Con questa iniziativa – conclude Patella – speriamo di contribuire a un cambiamento di mentalità e abitudini verso le regole della guida. Auspichiamo infatti che si inizia a dare importanza al mantenimento e all’aggiornamento per tutta la vita della preparazione acquisita al tempo
dell’esame. Anche per la guida, come per molti altri ambiti anche professionali, si dovrebbe pensare a un approccio life long learning. D’altronde c’è la propria vita e quella degli altri in ballo”.